CRONACHE DI UN’INFANZIA – CAMILLO E IL REGALO DI NATALE

Ole Könnecke
Beisler editore, 2008
Illustrato
Età di lettura: scuola dell’infanzia

Camillo, nato dal tratto pulito e fluido di Ole Könnecke, è il protagonista di una serie di albi illustrati che raccontano storie di vita quotidiana più o meno realistiche in cui ogni bambino può facilmente immedesimarsi e riconoscersi: Camillo e le bambine, Camillo ha un segreto, Camillo e il turbante magico, Camillo e il regalo di Natale. Sono racconti dedicati ai più piccoli che si rivolgono direttamente a loro attraverso un personaggio filo conduttore che ci riporta alla memoria il mitico Charlie Brown, figura chiave della striscia a fumetti Peanuts, di Charles M. Schulz (Catalogone, Topipittori, 2008). Camillo vive un’infanzia mediamente tranquilla e felice, piena di quella gioia di vivere che contraddistingue la sua età d’oro. Camillo ci sa fare, è forte, competente, coraggioso, si arrabbia, usa l’immaginazione e la fantasia per giocare e conoscere il mondo. Nelle sue storie, gli adulti sono esclusi. Lui rappresenta il bambino e il suo mondo.

Pagina dopo pagina, il piccolo lettore attraverso i quattro racconti della serie, potrà facilmente seguire le vicende narrate grazie alla figura familiare del protagonista e all’impostazione del racconto: il testo è semplice ed essenziale, chiaro e preciso, le illustrazioni son ben definite, le pagine bianche e lo sfondo solo lievemente accennato quanto basta per creare un contesto e un’ambientazione. A volte i disegni riempono la pagina, altre volte volutamente lo sfondo rimane bianco e pulito per invitare il lettore a seguire Camillo in un gioco di immaginazione.

In particolare, nell’ultimo albo illustrato Camillo e il regalo di natale, a differenza a differenza di quelli precedenti, l’ambientazione appare più complessa e definita, mentre il testo è narrato in prima persona, quasi a sottolineare che ora il bambino è diventato grande e può raccontarci le sue peripezie (Catalogone, Topipittori, 2008).

In questo racconto Camillo abbandona la sua stanza e si avventura, insieme al suo orsacchiotto Gustavo, fuori di casa per fare una passeggiata. Intorno a lui il freddo e il buio. E’ inverno, con tutta probabilità manca pochissimo a Natale, e tutto è ricoperto di neve. Camillo si allontana un po’ troppo da casa, ma è un bambino coraggioso non ha paura perchè la strada di ritorno è segnata dalle impronte che ha lasciato. All’improvviso nel cielo una slitta lascia cadere un pacchetto regalo. Camillo lo prende e decide di inseguirla per restituirglielo.

Inizia così la sua bizzarra avventura, quasi un percorso immaginario e onirico, all’inseguimento della misteriosa slitta, con il pacchetto regalo stretto stretto, ben custodito: a bordo di un aeroplano guidato da un uccello gentile, tra i fiocchi di neve che veloci cadono intorno a lui, attraverso gli alberi del bosco prima in discesa poi in salita, fin giù per la montagna; navigando sempre più veloci tra le onde di un fiume, per giungere in un luogo sconosciuto tra musiche e canti di strane e cordiali creature bizzarre, e ancora correndo tra le radure; tra la nebbia fitta e misteriosa popolata da esseri leggeri e impalpabili… Un lungo viaggio che Conduce Camillo e Gustavo, ormai a notte inoltrata, in una piccola casetta calda e accogliente. Una giacca rossa molto simile a quella indossata da Santa Clause è appesa al muro, una zuppa fumante ed invitante sulla tavola sembra aspettare proprio lui….

Dopo essersi riposato e rifocillato Camillo si rimette in viaggio a bordo di un piccolo slittino. Ormai all’alba, eccolo giungere in riva al mare. Nasconde il pacchetto sotto la neve e risale la china di una collinetta dalla quale gli appare un piccolo paese con le casette colorate e il fumo che risale dai camini accesi.

Nel frattempo però un orso ha rubato il pacchetto regalo e tutto felice si diverte giocandoci: lo fa rimbalzare sulla punta del naso, poi sulla punta della coda, ci gioca a pallone e si rotola nella neve. Camillo pazientemente aspetta per un bel po’ seduto su un ceppo di un albero insieme a Gustavo fino a quando l’orso, stanco e annoiato, abbandona il pacchetto e trotterellando se ne va per la sua strada. Lo slittino è ormai perso, la stanchezza è tanta, come proseguire per raggiungere la misteriosa slitta? Provvidenziale è l’arrivo sulla scena di un alce che, dopo aver appreso da Camillo la sua storia, lo accompagna in un punto del bosco in cui poco prima aveva avvistato la slitta tra gli alberi innevati.

L’allegra combriccola si rimette così in marcia con al seguito l’orso ricomparso misteriosamente con un buffo copricapo ed una fisarmonica, mentre una volpe, immersa nella neve, li scruta incuriosita. Ed ecco finalmente la slitta volante rallentare e scendere atterrando piano piano tra gli alberi, ora più radi, sommersi da tantissimi pacchetti regalo, proprio vicino alla di Camillo … E mentre il bambino corre spedito insieme a Gustavo per restituire il pacchetto regalo disperso al misterioso proprietario, una voce proveniente dalla slitta gli grida che quel pacchetto è per lui, c’è scritto il suo nome sopra!

La slitta riparte e il bambino salutando torna in casa. Il cerchio si chiude, la storia finisce da dove era cominciata: Camillo è nella sua cameretta, va a fare la nanna con Gustavo stanco ma contento per quella bellissima avventura. Il pacchetto l’ha scartato! dentro c’era il suo regalo di Natale!

Da leggere proprio ora, o magari in una buia sera d’inverno mentre la neve scende, per prepararsi all’arrivo del Natale. Per una lettura ad alta voce da animare attraverso suoni e rumori, dando risalto alle azioni di Camillo descritte perfettamente dal testo…

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...