NEI GUAI

Oliver Jeffers 
ZOOlibri, 2012, 32 p.
Illustrato
Età di lettura: scuola dell’infanzia, scuola primaria

Oliver Jeffers autore di “Chi trova un pinguino“, “L’incredibile bimbo mangia libri” e il nuovissimo “Gli Ughi e la maglia nuova“, continua a parlarci dell’infanzia, come dimensione in cui tutto può accadere, dove anche l’inimmaginabile può trovare la via per diventare possibile. 
L’autore lo fa attraverso storie che hanno per protagonista i bambini. Sono bambini comuni, bambini veri e in carne ossa curiosi e desiderosi di scoprire il mondo, capaci di vedere al di là del loro naso, bambini che ci offrono un nuovo modo di leggere e vivere la quotidianità, per sbirciare nel loro mondo.  

Questa è la storia ironica e divertente di uno di loro, che iniziò un giorno, quando l’aquilone rosso di Leo rimase bloccato tra i rami di un grande albero. Leo provò a scuoterlo, ma inutilmente.  E quando Leo provò a lanciare la sua scarpa preferita per liberare l’aquilone ma anche quella rimase bloccate, iniziarono anche i veri GUAI!

Come in una reazione a catena, Leo lanciò Gen, il suo gatto, per liberare la scarpa, che a sua volta rimase incastrato. Allora provò con una scala seguita nell’ordine da un secchio di vernice per liberare la scala, un’anatra per liberare il secchio di vernice, una sedia per liberare l’anatra, la bicicletta di un amico per liberare la sedia, il lavello della cucina per liberare la bicicletta dell’amico e così via fino al lancio di un gorilla, di una piccola barca (piccola????!), della sua stessa casa, di un faro, di una balena curiosa e di un camion dei pompieri che per caso passavano da quelle parti, che rimasero ovviamente tutti incastrati tra i rami dell’albero.
Incredulo per quell’assurda situazione, Leo allora ebbe un grande idea. Andò a prendere una sega, presa la mira e la lanciò sull’albero e, visto che ormai di spazio tra i suoi rami non ne restava più…. PUF: l’aquilone rosso, che ormai Leo aveva dimenticato cadde al suolo finalmente libero. Bastava poco! Il bambino tutto contento ricominciò a giocarci, godendosi il resto di quella lunga e faticosa giornata. La sera esausto nel suo letto si addormentò felice, anche se… aveva come l’impressione di essersi dimenticato qualcosa!!! In effetti, qualcosina mi sa tanto che se lo era proprio dimenticato!
Da leggere per divertirsi e ridere insieme, del libro è possibile seguire il trailer animato in cui l’autore ci propone una bella lettura ad alta voce che potete trovare qui:


A proposito, alcune delle illustrazioni che compaiono nell’albo ci sono ormai molto familiari: nave, faro e barchetta.. vi ricordate? le abbiamo già incontrate in un’altra storia… Qui la lettura ad alta voce sempre in lingua inglese di “chi trova un pinguino” per rinfrescarci un pò la memoria!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...