IL NATALE DI PIPPI

Astrid Lindgren, Ingrid Nyman
La Nuova Frontiera Junior, 2012, 35 p.
Illustrato
Età di lettura: scuola primaria

La fezta del dopo-Natale di Pippi Calzelunghe. Stazera a Villa Villacolle tutti i bambini zono invitati. Vi aspetto! Indossate abiti pezanti
Ironico, originale e decisamente fuori dal comune, ormai tutti conosciamo il personaggio che la Lindgren inventò un giorno per tenere compagnia alla figlia malata di polmonite e che più tardi, nel 1945 diventò un romanzo. Pippi Calzelunghe, emancipata e autonoma, libera da ogni regola e decisamente fuori dal comune, vive tutta sola a Villa Villacolle in un paesino della Svezia, con il suo cavallo e la scimmietta Signor Nilsson, amici inseparabili con cui trascorre memorabili avventure.
In Italia, nel 2006, è la Casa editrice La Nuova frontiera Junior a pubblicare in italiano il primo albo di Pippi Calzelunghe, con le illustrazioni originali di Ingrid Nyman al quale hanno fatto seguito “Pippi va al parco di Humlegarden” e l’ultima pubblicazione del 2012 “Il Natale di Pippi”.
Il racconto illustrato si sviluppa attraverso cinque mini episodi che partono dal manifesto che Pippi affigge al portone del municipio del paese, aiutata dai suoi amici Tommy e Annika, per invitare durante le vacanze natalizie, tutti i bambini di Villacolle ad una festa speciale per festeggiare il dopo-Natale.
Seguendo un sentiero di caramelle rosse, proprio come tanti pollicini, i bambini giungono nel giardino di Pippi allestito in tutta festa con igloo e un grande abete decorato con omini di pampepato, enormi cestini di carta lucida e gigantesche decorazioni di zucchero. Alla festa non manca quasi nessuno, sono stati invitati tutti, anche il timido Olaf, un nuovo bambino del Paese che Pippi riesce subito a coinvolgere, aiutandolo a fare amicizia con il resto del gruppo. Unica esclusa, la Signora Quisquis, alquanto seccata per non essere stata invitata. Ma la festa del dopo-Natale, è riservata solo ai bambini, e infatti, come sottolinea la nostra Pippi, è risaputo che agli adulti non fa bene mangiare torte e caramelle, lo sconsigliano anche i dottori: “E’ vero” disse Pippi in tono serio “Un medico americano ha scoperto che gli adulti possono mangiare solo stocafisso al vapore e carote stufate, al massimo un cucchiaio di budino di fegato di merluzzo per il compleanno”
Tra torte, calderoni fumanti di cioccolato, cagnolini sperduti ritrovati e giochi sulla neve a bordo di una slitta, Il racconto è un omaggio alla gioia di stare insieme e di ritrovarsi in allegria. “Nessuno sentiva freddo si erano scaldati per bene. C’era un aria magnifica. Un bel cielo stellato, tutto era avvolto in un magico silenzio e faceva proprio un bel freddino”. Da leggere al calduccio, un episodio al giorno per continuare a vivere la magia delle feste; da sfogliare e osservare per immergersi negli scenari innevati illustrati da Ingrid Nyman.

Qui un video nel quale Marzia Corsi, editor de La Nuova Frontiera, presenta a RAI Letteratura “Il Natale di Pippi”.
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...