MAPPE: UN ATLANTE PER VIAGGIARE TRA TERRE, MARE E CULTURE DEL MONDO

Pausa di riflessione dal blog e da quello che mi circonda…. tanti impegni, incombenze, problemi e contrattempi non sempre ben graditi in parte mi avevano fatto perdere il senso e la magia per il mio lavoro e per gli ideali, forse un pochino utopici, in cui ho sempre creduto nonostante tutto… 
La vita è fatta così, alti e bassi, bisogna saper cogliere ciò che c’è di nuovo e positivo per migliorarsi e proseguire. Come in un viaggio, si parte pieni di sogni e non si sa poi esattamente dove si andrà a finire. Non bisogna costruire l’itinerario di viaggio in base alle aspettative maturate… nemmeno in base alle certezze acquisite.. Si rischierebbe di rimanere delusi, si correrebbe il rischio di non corre il rischio trascurando tutto ciò che il nostro sguardo non è in grado di captare. Abbandoniamo il nostro paio di occhiali e come ormai tutti dovremmo sapere, indossiamone altri, diversi e perchè no, fuori moda per non rimanere imbrigliati in inutili cliché. Il viaggio come la vita ti pone davanti ad una dimensione sconosciuta in continuo divenire che ti costringe a mettere in discussione ciò che siamo per uscire dal guscio…
Ricomincio da qui, per ripartire verso nuove terre per seguire tracce e segni che spero mi condurranno lontano facendo tesoro del percorso intrapreso.
Il viaggio è anche il tema attraverso il quale da circa un anno prendono forma percorsi ed incontri di letture dedicati ai più piccoli, tra scuola e biblioteca. Viaggio verso la scoperta della quotidianità e del mondo che si dispiega davanti a noi, viaggio come metafora di crescita e di conoscenza dell’altro, viaggio come partenza per approdare ad una nuova vita carichi di quel bagaglio di affetti e perdite che la migrazione comporta.

Viaggio: per percorre terre sconfinate e mondi dell’altrove, da attraversare con i nostri piedi o da percorrere seguendo parole e immagini di un buon libro, occorre munirsi di una mappa: Dove siamo? Dove siamo stati e dove ci stiamo dirigendo? Quale la nostra destinazione desiderata?
Ci potrà venire in soccorso un atlante come MAPPE: un atlante per viaggiare tra terre, mare e culture del mondo (Aleksandra Mizielinscy, Daniel Mizielinscy – Ed. Electakids, 2013, 112 p.), un grande albo illustrato attraverso il quale viaggiare per tutto il mondo grazie alle 51 mappe che consentono di scoprire l’identità specifica, dai monumenti alla fauna e alla flora locale, dei 42 paesi dei 5 continenti della terra. Ogni carta geografica, interamente illustrata con disegni a misura di bambino, racconta la storia, gli usi e costumi, i personaggi famosi, le piante e gli animali, i piatti e tutto ciò che di più “tipico” contraddistingue ogni paese!
Tra le pagine spuntano balene e pesci che nuotano nell’oceano, lupi e mammiferi che corrono tra valli, monti e promontori, torri ed edifici urbani che hanno fatto la storia dell’arte e dell’architettura, troviamo gli abitanti del luogo vestiti con gli indumenti tipici del paese in cui vivono. Ogni disegno è accompagnato dalla relativa nomenclatura..
“Mappe” è un libro ludico e didattico per sperimentare modalità nuove e divertenti per imparare la geografia, conoscere il mondo e viaggiare con l’immaginazione. 
L’atlante illustrato è un ottimo spunto e supporto da cui partire per accompagnare incontri e percorsi di

promozione alla lettura a tema come appunto quelli che si sviluppano intono al “viaggio”, all’educazione ambientale e interculturale, dalla scoperta di fauna e flora all’incontro con l’alterità… Insomma si tratta di un libro trasversale a tante attività, che ci aiuta a creare una connessione e un filo diretto tra realtà e fantasia e che può rivelarsi utile per rielaborare concretamente gli stimoli nati dalla lettura di un racconto, di un albo o di una breve storia. 

In una scuola materna di provincia, sezione cinque anni, dopo la lettura dell’albo illustrato “Chi trova un pinguino…” (ed. Zoo libri),  l’atlante si è rivelato utile per scoprire, rispetto a noi, dove vivono i pinguini, quali sono le caratteristiche del loro ambiente di vita e quali gli altri animali che lo popolano. L’uso di libri differenti inoltre è essenziale per familiarizzare fin dall’infanzia con stili di lettura diversi e per comprendere come ogni testo è costruito per rispondere a bisogni specifici … ma che allo stesso tempo quel libro, nato con intenti e finalità ben precise, può comunque facilmente adattarsi ai nostri scopi grazie al contributo e all’interazione del lettore stesso… Così il libro di storia, se letto e presentato nel modo giusto, può trasformarsi in un avvincente racconto avventuroso, l’atlante può divenire un percorso immaginario alla scoperta di storie, aneddoti e curiosità inaspettate, il romanzo può assumere la forma di una guida grammaticale e di stile…

Vi lascio condividendo la filastrocca del viaggiatore liberamente (da me) tratta e rielaborata dal libro “Filastrocche in valigia” di Sabrina Giarratana, che ci guida nel percorso sul viaggio, tra mille avventure e letture:

Cara valigia sporca di mela // mondo rotondo, mondo di tela // dammi una mano, dammi un consiglio, devo partire che cosa piglio? // forse le pinne fucile ed occhiali, forse la sciarpa per andare a sciare? // Cara valigia mi stai ad ascoltare: viaggio per strada o vado per mare? // La strada è lunga e ho un po’ paura // ma sarà di certo una grande avventura!!! 
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...