I Bestiolini e gli spazi speciali che si possono trovare in biblioteca

downloadGek Tessaro
Franco Cosimo Panini, 2009
Illustrato
Età di lettura: nido, scuola dell’infanzia

In una delle biblioteche dove lavoro, una piccola stanza quadrata al piano terra è dedicata ai bambini 0-6 anni, anche se in definitiva il progetto è pensato in particolare per la fascia 0-3 anni. La filosofia della sala lettura ricalca in parte i principi che hanno portato allo sviluppo della bellissima sala Bebè di Salaborsa ragazzi, ma in versione super ridotta! Uno spazio protetto e accogliente dove adulto e bambino possono fermarsi, giocare, leggere ad alta voce, dove i più piccoli possono sdraiarsi, gattonare in libertà e sicurezza, o magari scegliere di esplorare e conoscere l’oggetto libro in autonomia o in compagnia dell’adulto avendo a disposizione una piccola selezione ragionata di materiali idonei e di qualità rivolti esplicitamente a loro. L’accesso alla sala è libero pertanto, rispettando alcune regole possono accedervi tutti gli utenti che lo desiderano.
Per entrare nella sala, pavimentata con il parquet è necessario indossare i calzini antiscivolo o i copri-scarpe messi a disposizione dalla biblioteca. Lo spazio è composto da alcuni grandi tappetoni morbidi di forme e colori differenti, che vanno a formano l’angolo morbido e che possono essere spostati a piacimento. E’ presente un piccolo tavolino color crema dagli angoli smussati e 4 seggioline la cui spalliera raffigura la testa di un orso, due morbide poltrone arancioni pensate per gli adulti.
Una libreria a forma di casetta, posta sulla parete di sinistra, ospita i primi libri in lingua, i libri dei personaggi famosi dell’infanzia contrassegnati dalla relativa sagoma colorata – Pimpa, Spotty, Pina, Pingu (la Peppa è severamente bandita dalla biblioteca… Già dobbiamo fare i conti con il topastro Geronimo Stilton “orrrrroooreeee”) – i libri pop up, le fiabe e le favole da leggere e costruire della collana Carte in tavola edizione Fatatrac, i libri cartonati, quelli per la scoperta dei primi meccanismi narrativi con alette, buchi etc.., quelli con le pagine cartonate e gli angoli smussati per la maggior parte illustrati e pensati per la struttura, il formato e le immagini che presentano proprio per i piccolissimi, come ad esempio gli innovativi quadrotti dell’editore Minibombo. Accanto alla libreria a casetta, una seconda libreria ospita invece i libri divulgativi, quelli delle prime osservazioni scientifiche e naturali, delle scoperte di forme, colori etc.. contrassegnati sul dorso da un pallino verde per distinguerli dagli altri della sala, dato che qui l’intera collezione presente porta il simbolo Casa Piani della farfalla rosa, che in generale corrisponde ai primi libri. Dai libri sui pompieri a quelli delle stagioni si passa a sfogliare testi per conoscere i colori, le forme, la città, i mestieri e tanto altro ancora. Per facilitare la ricerca e l’ordine sono quasi tutti collocati per collana o tipologia… Sempre nella saletta infine i primi libri, i classici albi per i più piccoli perfetti per essere letti ad alta voce trovano spazio in un contenitore in legno a scomparti insieme ai libri gioco come ad esempio quelli musicali, mentre in un contenitore mobile sono riposti i libri in stoffa e plastica e alcuni giocattoli morbidi. E’ un piccolissimo spazio ma sopratutto per le mamme, nonni e adulti con neonati e figli piccoli di due o tre anni rappresenta un luogo dedicato e speciale nel quale perdersi e ritrovarsi attraverso i libri, diventa quindi un importante sostegno alla genitorialità, anche come spazio cittadino e culturale che accoglie e offre, e di promozione alla lettura…
Tra questi libri i miei preferiti sono quelli della collana ZeroTre edita da Franco Cosimo Panini di cui ho già parlato raccontando Rime per le mani. Un altro bel libro di questo progetto è Bestiolini.
Robusto con le pagine cartonate e gli angoli smussati il libro nasce per far conoscere ai più piccoli il mondo microscopico degli insetti e invitare i genitori a prendere spunto dalla lettura per incuriosire i bambini e osservare insieme a loro gli insetti che popolano gli spazi verdi, conoscendo così i diversi aspetti della natura. Insieme si parte per scovare tra le pagine i diversi insetti che abitano nel prato tra fili d’erba e fiori colorati: api, bruchi, formiche, coccinelle, cavallette, ragni, libellule, zanzare e mosche ma ce ne sono anche alcuni meno noti ai bambini come la mantide religiosa e lo scarabeo stercorario.

CAM00686

Ogni bestiolino si presenta raccontandosi e “giocando” con il piccolo lettore attraverso il testo in rima e le simpatiche immagini: “Otto le zampe corpo tondetto io faccio il sarto e non sono un insetto Faccio la rete e sono il ragno se lavoro molto molto guadagno”. Un libro allegro e semplice per imparare fin da piccoli a rispettare la natura e i suoi abitanti, anche quelli più piccoli come gli insetti per cui spesso grandi e bambini provano paura o ribrezzo.

CAM00690

“Puoi spaventarci con un solo dito ma allora forse non hai capito.

Puoi spaventarmi con un solo dito ma prima ascolta il nostro coro:

ci puoi trovare ovunque vai siam Bestiolini ora lo sai.

E’ bello il mondo per chi sa guardare, siam Bestiolini e vogliamo cantare:

Che il mondo è grande e c’è tanto posto,

se tu mi conosci io ti conosco.

E adesso forza: tu dammi la mano

io la zampina, ma fai un po’ piano. 

Son delicato, sono un Bestiolino

io come te sono piccolino”

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...