Pensieri fuori dal coro: tegoline alle mandorle con cioccolato extra fondente e cioccolato pera e cannella

nUn altro pranzo in famiglia a casa dai miei genitori e ancora dolci e biscotti. Per arginare questa tendenza poco salutare al consumo eccessivo di dolciumi mi sono ripromessa di non assecondare più le richieste di nessuno, dando sfogo alla mia voglia di cucinare preparando altro!  Io farò la mia parte ma purtroppo, e per fortuna, non abitando con i miei sarà difficile controllare se faranno i bravi, visto che  oltre ad essere di buona forchetta amano molto cucinare  e sfornare torte di ogni sorta. Mio padre si è pure comprato 3 teglie nuove per farsi fare da mia madre i suoi adorati Panoni e Certosini! Alla faccia delle calorie! Ad ogni modo io qui avró già il mio bel da fare: la dolce metà da domani sarà a dieta. Solo che lui questo ancora non lo sa!!!!

Aspettando quindi di fare piazza pulita per un po’ di torte, biscottini e compagnia bella,  ecco qui i dolcetti delle calze della mia befana. Prime in classifica nell’ordine di gradimento: tegoline alle mandorle con cioccolato extra fondente e cioccolato pera e cannella; croccante al sesamo, mandorle e limone, girelle di frolla alla marmellata di arance e cardamomo, stelline con gocce di cioccolato. Ce n’è per tutti i gusti!

dolcetti-assortiti

Vi lascio la ricetta delle prime, le più gradite. Le mandorle possono essere sostituite con nocciole e altra frutta secca. Anche la farcia potete deciderla a seconda dei vostri gusti. Noi eravamo curiosi di provarle con una tavoletta di cioccolato pere e cannella che ci incuriosiva molto e i dolcetti si sono rivelati la scusa giusta per scartarla! Niente male, anche se preferisco sempre e comunque quella extra fondente. Sono buonissimi anche con una farcia al lemon curd. Essendo una preparazione simile a quella della meringa è necessario solo rispettare le proporzioni degli ingredienti. Ma data la semplicità non credo possiate sbagliare o avere dubbi per ricalibrare le quantità che utilizzerete.

TEGOLINE ALLE MANDORLE CON CIOCCOLATO EXTRA FONDENTE E CIOCCOLATO ALLA PERA E CANNELLA

kkkk1

Ingredienti per circa 26/30 mini dolcetti
Per il dacquoise alle mandorle:
68 gr di albumi (corrispondono a due uova medie
68 gr di mandorle spellate (o altra frutta secca)
68 gr di zucchero semolato
un goccio di limone
1 cucchiaio di zucchero
un pizzico di sale
Per la farcia e la decorazione (potete farcirli come più vi piace!)
4o gr di cioccolato extra fondente* + 2  cucchiai abbondanti di panna liquida per dolci
40 gr di cioccolato pera e cannella* + 2 cucchiai abbondanti di panna liquida per dolci
zucchero a velo

*Puoi variare il tipo di cioccolato del ripieno ed eventualmente usare quello extra fondente sciolto in purezza con una noce di burro per la decorazione finale.

Prepara la base di meringa: in una ciotola alta meglio se in acciaio spruzza un goccio di limone e, dopo averli pesati, versa gli albumi con un pizzico di sale. Montali a  neve ferma. Girando la ciotola sottosopra non devono cadere! unisci una quantità di zucchero pari al peso degli albumi. Monta con le fruste fino ad ottenere una meringa lucida e soda.

meringa

Pesa le mandorle, devono avere anche queste lo stesso peso degli albumi. Polverizzale nel mixer con 1 cucchiaio di zucchero. Il composto avrà una consistenza più grossolana della farina di mandorle che acquistiamo ma deve essere così anzi, meglio ancora se lasciamo interi anche alcuni piccoli pezzetti di mandorle.

farina di mandorle

Unisci alla meringa le mandorle polverizzate e con una spatola incorporale facendo attenzione a non smontare il composto.

meringa con farina di mandorle

Versa la dacquoise su una teglia foderata di carta forno e con la spatola stendila formando un rettangolo abbastanza regolare e sottile, circa 3 mm.

prima di cuocere

Inforna a 180° per circa 15 minuti.

cottoSfornalo e lascialo intiepidire, rifila i bordi e intaglialo con un coppa pasta per ricavare tanti piccoli dolcetti quadrati o rettangolari. Se non hai a disposizione un coppa pasta della misura desiderata armati di righello e taglia la base di meringa con il coltello. Stessa cosa se il coppa pasta non fosse abbastanza affilato come nel mio caso. Facendo attenzione a non romperli solleva pian piano i dolcetti ottenuti staccandoli dalla carta forno.

Prepara la ganache e la decorazione: in due pentolini sciogli fuori dal fuoco i due tipi di cioccolato in 2 o 3 cucchiai di panna precedentemente scaldati. Stendi su metà dei dolcetti il cioccolato, tenendone da parte un po’ per la decorazione: su alcuni stendi quello extra fondente su altri quello pera e cannella. Accoppiali con l’altra metà dei dolcetti rimasti.

Se come me li preferisci più piccoli, taglia ogni quadrato a metà ricavando così due rettangoli o, tagliandoli in diagonale, due triangoli.

kkkkk

Se ti avanza il bordo o altri pezzetti riutilizzali per formare altri dolcetti così da non sprecare nulla!

fff

Disponi le tegoline ottenute su un piatto spolverale di zucchero a velo poi con una sac a poche decorali con il cioccolato rimasto abbinandolo al gusto della farcitura. Se  nel frattempo il cioccolato dovesse essersi indurito è sufficiente scaldarlo nuovamente a bagno maria o per un attimo nel micro onde.

I dolcetti si conservano benissimo, sono friabili e ricordano la cialda del gelato. L’umidità tende a rammollirli. Meglio chiuderli in una scatola di latta, ma posso garantire che non ce ne sarà bisogno. Sono certa che finiranno in fretta!

zzazaz

zz

A proposito, anche se ne esistono diverse varianti, dopo aver fatto qualche ricerca per curiosità, direi che questa preparazione di origine francese viene chiamata Dacquoise: un biscotto tenero e friabile che richiama da vicino la maringa. Le tegoline se lasciate di formato più grande possono diventare ottimi snack per una merenda golosa, sostituendo merendine e dolcetti industriali. Per queste ho utilizzato circa 160 gr di albumi, 100 gr di cioccolato pera e cannella sciolto in 4 o 5 cucchiai di panna liquida per dolci precedentemente scaldata e altrettanti di cioccolato al latte. Ho guarnito con zucchero a velo e cioccolato fondente fuso con una noce di burro.

Tegoline snack

La mia versione mi piace molto, ma prima o poi, dato che ho il suo libro, proverò anche quella di Maurizio Santin. La sua é abbastanza diversa da questa. Prevede zucchero a velo e quantità diverse degli ingredienti. Vedremo come verrà. Tanto per il momento niente più dolci! Voi peró continuate a farne mi raccomando!

sss

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...