Pensieri fuori dal coro: pizza sottile in teglia

fetta di pizza 2c

Pizza e solo pizza come se non ci fosse un domani! Non esiste al mondo qualcosa di più buono. Nonostante il mio rapporto burrascoso con il cibo, c’è stato un lungo periodo della mia vita in cui, oltre alle verdure, mangiavo solo quella. Dal moroso ai mie genitori, con la pizza sono riuscita a sfinire tutti! Si mangiava il sabato sera, si acquistava al bar o da Altero, si impastava a casa o si mangiava quella surgelata. Anche quella con gli ingredienti già pronti nella scatola, tipo Catarì, andava benissimo! E se qualcuno non la finiva, quella rimasta era perfetta scaldata per il giorno dopo, anche a colazione!. Seppur contenta d vedermi mangiare altro che le solite verdure, mia madre, non potendone più, sfoderò tutto il suo estro creativo per trovare soluzioni alternative da propormi. In breve tempo, concepì il suo speciale menù alla pizzaiola: melanzane, piadina, carne, crostini di pane, fette biscottate, lasagne… che si trattasse di carne o verdure, qualsiasi alimento faceva al caso suo: bastava spalmarci sopra un po’ di pomodoro, origano e mozzarella per mangiare pizza tutti i giorni. Il grill del forno faceva il resto! E per fortuna. Ricordo le pizze che impastavamo insieme io e mio padre, mentre lei vigilava che la sua cucina rimanesse intonsa. Non so che ricetta seguissimo, ma dalle nostre sperimentazioni ne usciva una roba aliena che riuscivo a ingurgitare solo io e pochi altri mortali. La pizza era altissima, con un fondo duro come una suola da scarpa e naturalmente, al centro e in superficie, in parte ancora cruda. Mio padre si rassegnò e mise a disposizione “i buoni pasto” per arginare le spese della pizzeria da asporto di cui eravamo ormai clienti fissi e fedeli.  Decisamente, ci venivano meglio le torte, a parte quelle che finivano sul pavimento prima di entrare in forno. Avevamo scoperto da poco le teglie a cerniera ma avevamo ancora qualche difficoltà a ricordarci poi di chiuderle correttamente 😦

Ad ogni modo, se anche a voi piace la pizza ma volete evitare di sfornarne una simile a quella descritta sopra, ecco la ricetta di quella che preparo sempre. E’ semplice da fare e non richiede troppo tempo. Per farla, utilizzo l’impastatrice, ma si può ottenere lo stesso risultato impastando a mano. Prima del suo acquisto anche io la facevo così. L’impasto si presta bene a varie interpretazioni e può diventare la base per sfornare schiacciate, focacce e anche panini o calzoni. Se la pizza vi piace più alta basterà tirarla meno e il gioco è fatto. La mia preferita è la margherita o la pizza rossa con melanzane grigliate o  con pomodorini. E la vostra?

LA PIZZA SOTTILE IN TEGLIA DI CASA MIA

fette di pizza 2

Per il lievitino:
100 gr di acqua tiepida
15 gr di lievito di birra
mezzo cucchiaino di miele o un pizzico di zucchero
3 cucchiai di farina di tipo 1 o 360w
2 cucchiai di farina 0 manitoba
Per l’impasto:
lievitino
150/170 gr di acqua a temperatura ambiente
250 gr di farina di tipo 1 o 360 w + 200 gr di farina 0 manitoba + 2 cucchiai di farina di semola rimacinata di grano duro
2 cucchiai di olio evo, sale q.b.

Per il condimento:
polpa di pomodoro + 2 cucchiai di concentrato
mozzarella scolata e asciugata dal suo liquido
salsiccia o altri ingredienti a scelta
olio evo, origano e sale q.b.

Prepara il lievitino: in una ciotola sciogli nell’acqua il lievito con il miele. Stempera bene e aggiungi la farina prevista. Mescola tutto con un cucchiaio di legno. Otterrai un composto leggermente denso e appiccicoso. Non preoccuparti se rimangono grumi. Copri la ciotola con la pellicola trasparente e  con un panno. Lascialo riposa al caldo per 30 minuti circa.

impasto lievito

Trascorso tale tempo prepara l’impasto: nella ciotola dell’impastatrice versa le farine, mescolale e versaci dentro l’acqua a temperatura ambiente tenendone da parte un po’ che userai successivamente se il composto dovesse risultare troppo duro. Unisci anche il lievitino. Accendi al minimo l’impastatrice con il gancio a foglia e dopo pochi minuti aggiungi il sale. Lascia che questo venga assorbito poi unisci l’olio. Se l’impasto risulta troppo duro versa altra acqua. La quantità da utilizzare di questa ultima può variare in base a diversi fattori tra i quali il livello di umidità e il tipo di farina utilizzato. Spegni la macchina e monta il gancio ad uncino. Riavvia l’impastatrice. Appena l’impasto inizierà ad incordarsi staccandosi da solo dalle pareti della ciotola e aggrappandosi al gancio, unisci due cucchiai di semola di grano duro. Una volta incordato l’impasto risulterà abbastanza morbido, ma non appiccicoso. Con le mani leggermente unte di olio prelevalo e ponilo sul piano di lavoro leggermente infarinato. Lavoralo un attimo con le mani. Se molto morbido fai un giro di pieghe a libro (vedi qui) per conferirgli una struttura maggiore. Poi ponilo di nuovo nella ciotola unta di olio. Con un coltello incidilo a croce. Copri la ciotola con la pellicola e un panno caldo poi lascialo lievitare circa 3 ore e mezza in un luogo tiepido. Se vuoi utilizzare meno lievito i tempi di lievitazione saranno maggiori.

impasto prima e dopo la lievitazione

Appena è pronto accendi il forno alla massima potenza, con la funzione per la cottura della pizza, quella che serve per cuocere di più il fondo degli alimenti. L’ideale sarebbe inserire la pietra refrattaria, ma io non ce l’ho. Per cuocere bene la pizza ha infatti bisogno di alte temperature. Il mio forno arriva massimo a 245 gradi. Se il vostro è più potente tanto meglio!

Dividi l’impasto in due palle. Coprine una a campana e stendi l’altra su una teglia foderata di carta forno aiutandoti con le mani. Per comodità io stendo la pasta su due fogli di carta forno posizionati sul piano di lavoro. Se necessario mi aiuto con il mattarello, poi trascino il tutto nella teglia, sistemo bene l’impasto e taglio via dai bordi gli eccessi di pasta.  Con i polpastrelli delle dita schiaccia leggermente l’impasto lungo i bordi per definire il “cornicione” della pizza.

base pizza

Mentre l’impasto riposa per qualche minuto, prepara il condimento: in una ciotola diluisci la polpa di pomodoro e qualche cucchiaio di concentrato con acqua. Stempera bene, aggiungi un filo di olio evo, l’origano e aggiusta di sale.

pomodoro

Taglia a dadini la mozzarella e prepara i vari ingredienti che intendi usare. In questo caso ad esempio la salsiccia. Versa sulla pizza il pomodoro e guarnisci distribuendo in modo uniforme sulla superficie i pezzetti di salsiccia. In questa fase  aggiungi solo gli ingredienti che richiedono una cottura più lunga. Inforna nella parte più bassa del forno per 10 minuti. La base e i bordi dovranno essere già in parte dorati e cotti. Poi  togli la teglia dal forno aggiungi i dadini di mozzarella e fai cuocere nella parte centrale del forno a 220 gradi circa fino a quando non si sarà sciolta.

pizza 1a

Controlla la cottura, sforna e lascia riposare nella teglia qualche minuto in modo che i vai ingredienti si fondano bene insieme.

pizza 1c

Taglia a fette e servi.

fetta di pizza 1

Procedi allo stesso modo con la seconda palla di impasto.

Pizza 2

Oppure avvolgila nella pellicola e congelala. Potrai usarla una prossima volta facendola scongelare e lievitare nuovamente.

fetta di pizza 2b

Buona pizza a tutti! E se proprio non avete tempo seguite i consigli della mia mamma: compratevi una bella piadina, scaldatela a fuoco bassissimo in padella da un lato, poi giratela, spennellatela con pomodoro, guarnite con origano e mozzarella e coprite la padella con coperchio. Appena la mozzarella si sarà sciolta potrete gustarvi un’ottima e veloce piada-pizza senza dover impastare e sporcare nulla!

pizza fetta

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...