Pensieri fuori dal coro: lemon pie della Maga delle torte

torta fetta limone 4

Se penso ai ritrovi in famiglia, oltre a litigi e dissapori vari, non posso non ricordare con estremo piacere i dolci preparati da mia zia. Il tronchetto di Natale e la torta farcita al cioccolato sono sicuramente quelli che rammento meglio e, anche se in realtà è ormai da tempo che non ne assaggio un pezzetto, posso sentirne ancora il gusto ed il profumo fragrante. Oggi più che mai, dal suo forno continuano a uscire splendide delizie, semplici ma raffinate, soffici e golose. Mi ha sempre affascinato il suo modo di cucinarle. La vedevo là nel suo minuscolo cucinino intenta a realizzare la sua grandiosa magia unendo polveri, odori e sapori. Una fatina dei fornelli capace di compiere incantesimi antichi e segreti. Non è quindi un caso se mia zia è stata ben presto rinominata dalle sue colleghe di lavoro, ma anche da tutti noi, “la Maga delle torte”. In suo onore le hanno ricamato pure un bellissimo grembiule che, rimanga tra noi, quasi quasi suscita in me un pelino di invidia dato che io, invece, che lo voglia o meno, mi sono guadagnata il ruolo di addetta al taglio (millimetrico) delle sue torte, che ci accompagnano durate pranzi in famiglia, ricorrenze varie e compleanni! Io amo cucinare, sopratutto dolci, e l’ho sempre guardata con estrema ammirazione per la naturalezza con la quale riesce a creare questi dolcissimi capolavori. Ciò che li rende davvero unici è la loro semplicità. Sono dolci che sanno di casa, genuini e fatti con il cuore. Naturalmente nel tempo ho cercato di carpire i suoi segreti, ma come accade sempre con le donne della mia famiglia, l’impresa si è rivelata più ardua del previsto: quando pongo la fatidica domanda “mi dai la ricetta esatta per favore?” ecco che, ognuna di loro, sembra essere improvvisamente colta da un’istantanea perdita di memoria! Intendiamoci, non é che non vogliono darmi la ricetta, ma vanno ad occhio loro, ognuna ha il suo segreto. Ci mettono un po’ di questo, un po’ di quello e fanno come si è sempre fatto in casa nostra. Bene, quindi… Come? Dalla salsa verde di mia nonna alla torta alla panna di mia madre, direi che é impossibile replicare alcune delle loro ricette (altre per fortuna hanno pensato bene di tramandarmele, che non si sa mai!), ho perso ormai ogni speranza.

Quest’anno però mi sono data da fare. Ho chiesto a mia zia di ripetermi tutto il procedimento per preparare la torta al limone che aveva portato per il pranzo organizzato in famiglia per festeggiare l’Epifania.. L’ho assediata e interrogata ponendole una valanga di domande… Ad essere sincera, credo di averla proprio sfinita perchè, alla fine, una volta tornata a casa, mi ha spedito le foto del suo prezioso grimorio culinario (e per decifrarlo mi sono avvalsa del suo aiuto telefonico)! Un vero successo!

grimorio culinario zio betta

La sua Lemon pie mi sembrava perfetta da preparare oggi in occasione della settimana dedicata agli agrumi promossa dall’Associazione Italiana Food Blogger. L’iniziativa fa parte del Calendario del cibo, un progetto più ampio proposto dall’AIFB al quale possono partecipare tutti lasciando il link del proprio contributo, sulla pagina dedicata.

LEMON PIE DELLA MAGA DELLE TORTE

torta intera

Per la frolla:
300 gr di farina debole
100 gr di burro
100 gr di zucchero
1 uovo intero e 1 tuorlo
mezza bustina di lievito per dolci vanigliato
scorza di  1 limone di ottima qualità (meglio bio) e qualche goccia del suo succo
un pizzico di sale
Per la crema di limoni:
100 gr di zucchero
200 gr di latte
25 gr di fecola di patate (oppure di farina)
1 uovo intero
la scorza e il succo di due limoni di ottima qualità (meglio bio)

Per la crema: in un tegamino antiaderente dai bordi alti mescola bene zucchero, fecola, scorza di limone. Unisci il latte a filo e con una forchetta stempera bene tutto sciogliendo ogni grumo.  Poni il pentolino sul fuoco. Cuoci a fiamma bassa, girando con un cucchiaio di legno mescolando delicatamente finché il composto non si addensa, poi spegni il fuoco. Aggiungi alla crema ancora bollente 1 uovo e mescola subito con una frusta a mano. Quando sarà amalgamato unisci anche il succo filtrato di due limoni. Mescola ancora fino ad ottenere una crema densa e liscia. Metti da parte e fai intiepidire.

crema-di-limoni

Prepara la frolla: impasta velocemente il burro morbido a dadini, lo zucchero e il pizzico di sale. Puoi usare il mixer a bassa velocità per fare prima. Unisci 1 tuorlo e 1 uovo intero, la scorza di un limone e qualche goccia del suo succo. Unisci tutto mescolando con un cucchiaio di legno. Poi aggiungi la farina setacciata e mezza bustina di dose vanigliata per dolci. Impasta tutto velocemente senza lavorare troppo l’impasto. Forma una palla e falla riposare in frigo 15 minuti. Una volta trascorso tale tempo, riprendi la frolla e dividila in due parti uguali. Tira il primo pezzo tra due fogli di carta forno in un disco abbastanza sottile. Elimina il foglio di carta forno superiore e, sollevando con attenzione quello inferiore alla base, sposta la frolla all’interno di uno stampo circolare leggermente imburrato. Fai aderire bene la frolla ai bordi sistemando la carta forno. Taglia con le forbici l’eccesso di questa ultima. Versa sulla base di frolla la crema di limoni.

torta farcita

Stendi con il mattarello tra due fogli di carta forno la frolla rimasta formando un disco sottile. Elimina la carta forno superiore e con un coltello incidi la frolla ricavando un disco circolare del diametro dello stampo. Solleva la carta forno inferiore con sopra la frolla e ribaltala sopra lo stampo facendola aderire alla crema di limone e ai bordi del disco di frolla posizionato sul fondo dello stampo. Con delicatezza solleva via la carta forno. Schiaccia leggermente i bordi con le dita per sigillarli poi rifilali con una rotellina dentata o con un coltello.

torta prima del forno

Con i ritagli di impasto rimasti ricava dei decori e posizionali sulla superficie del dolce.

prima-del-forno

inforna a 180° per circa 20 minuti. Appena la superficie del dolce sarà dorata, sfornalo e lascialo raffreddare nello stampo. Trasferisci il dolce ormai freddo su un piatto e spolveralo di zucchero a velo.

lemon pie tagliata 2

lemon pie tagliata 1

torta fetta limone e cucchiaio

torta fetta con limone 3

NB: lo zucchero della crema si può benissimo diminuire a 70 gr per un gusto più aspro (nel tempo dopo varie prove mia zia è passata da 150 gr agli attuali 70/100 gr a seconda del gusto dei commensali). Per questo dolce meglio usare limoni di Sorrento o comunque di ottima qualità.  Possiamo provare anche con altri agrumi tra i quali arancio e lime.

Come avrete intuito, alla fine, la dieta della dolce metà e l’astinenza da dolciumi vari sono andate a farsi benedire! Buona merenda a tutti e un ringraziamento speciale a mia zia, la Maga delle torte, per questo splendido e sofficissimo incantesimo!

fette di torta

Annunci

2 pensieri su “Pensieri fuori dal coro: lemon pie della Maga delle torte

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...