Pensieri fuori dal coro: Scones, grazie a tutti per questa merenda golosa

♬♫ ♪ “On a cob web afternoon, In a room full of emptiness / By a freeway I confess /
I was lost in the pages of a book full of death; Reading how we’ll die alone.
And if we’re good we’ll lay to rest, Anywhere we want to go. In your house I long to be;
Room by room patiently, I’ll wait for you there like a stone.
I’ll wait for you there alone….”
♬♫ ♪ Like A Stone – Audioslave

Per avermi salvato da una domenica catastrofica, per aver trasformato l’ora del te in un momento perfetto, per avermi fatto trascorrere in cucina solo 20 minuti, per avermi strappato un sorriso di soddisfazione, per avermi evitato crisi di panico e scenate isteriche davanti al forno, un ringraziamento speciale a:
Anna Russell
, duchessa di Bedford, che per caso un pomeriggio del 1800, in attesa della cena, per spezzare la fame decise di farsi servire te caldo e pane morbido, inaugurando così la nascita di quello che sarebbe diventato il rituale più popolare della Gran Bretagna e poi di tutto il mondo, l’afternoon tea, l’ora del te da consumare con stuzzichini quali muffins, tramezzini, sandwiches, dolcetti e Scones;
Alfred Bird e August Oetker, il primo per aver scoperto nel 1843 la versione moderna del lievito chimico, il secondo, un farmacista tedesco, per aver cominciato a vendere il composto alle massaie.
Un grazie speciale quindi a queste ultime e alle panetterie della Gran Bretagna per averlo aggiunto a quella che in origine era una focaccia povera a base di avena cotta su pietra e suddivisa in 8 spicchi. Grazie al lievito gli spicchi si trasformarono in fragranti e gonfie monoporzioni, i così detti Scones venduti in seguito nei negozi per pochi spicci (il nome, che indicava in origine le porzioni della focaccia, deriva probabilmente dalla parola olandese schoonbroot composta da schoon, buono e brot, pane o secondo altre fonti da Stone of Destiny la pietra del destino presso la quale venivano incoronati i Re scozzesi).

Infine un ringraziamento speciale a Gordon Ramsay per averci fornito la ricetta per sfornare dei perfetti Scones e alla dolce metà per avermi chiesto in una uggiosa e tristissima domenica pomeriggio di preparare qualcosa da stuzzicare per l’ora del te, da farcire con salumi e formaggio.

Per accontentare la sua voglia di salato, ho apportato alla ricetta originale qualche piccola modifica per una versione più strong. Ad ogni modo, semidolci o salati, questi, sono davvero dei perfect Scones!

PERFECT SCONES
(Versione rivisitata da una ricetta di Gordon Ramsay)

Per 14 pezzi circa
250 g di farina 00

2 cucchiaini generosi di lievito (per dolci o per torte salate)
un pizzico generoso di sale
45 g di burro soffice
1/2 cucchiaino di zucchero
1 uovo
100 ml di latte a temperatura ambiente, più un po’ per spennellare la superficie
(la ricetta prevede anche 50 gr di uvetta, io l’ho omessa)
sale rosa e mix di pepe da macinare al momento per la finitura (mia aggiunta)

Per farcire: salame milano o altro salume, Emmental a fette sottili, maionese

NOTE: per una versione dolce aumentare lo zucchero ad un cucchiaino, eliminare sale e pepe per la finitura, inserire come da ricetta originale l’uvetta e accompagnare gli Scones con marmellata, burro e panna, come da tradizione.

Accendi il forno a 180° C. modalità ventilata.
Setaccia la farina con il lievito e il sale. Aggiungi il burro a pezzetti incorporandolo con la punta delle dita, fino ad ottenere tante piccolissime briciole. Aggiungi infine anche lo zucchero (se fai la versione semidolce unisci l’uvetta).
A parte mescola il latte e l’uovo. Aggiungine tre quarti all’impasto precedente, incorporalo mescolando velocemente. Se l’impasto risulta troppo duro aggiungi pian piano un’altro po’ di liquido fino ad ottenere una consistenza morbida ma non appiccicosa. Meno lavorerai l’impasto più gli Scones saranno friabili e gonfi. Quindi lavorare il tutto quanto basta. Stendi l’impasto con il mattarello tra due fogli di carta forno ad uno spesso di circa 1,5 – 2 cm di altezza. Con uno stampino circolare di 4 o 5 cm di diametro ritaglia dall’impasto tanti dischetti. Impasta i ritagli e prosegui nello stesso modo fino ad esaurimento. Otterrai circa 14/15 porzioni. Disponi gli Scones distanziandoli su una teglia foderata di carta forno (io ho usato due teglie). Spennella la superficie di ognuno con un goccio di latte. Spolvera con un giro di mix di pepe macinato al momento e sale rosa (nella versione semidolce salta questo passaggio). Cuoci fino a doratura per 20 minuti circa senza aprire il forno.

Sforna, fai intiepidire. Con lo stesso stampino con cui hai ritagliato gli Scones incidi le fette di emmental e il salame per ricavare tanti dischetti della giusta misura.

Taglia gli Scones a metà e farciscili con un velo di maionese, formaggio e salame.

A volte arricchiti dalla presenza dell’uva passa, gli Scones, possono variare a seconda della regione in cui vengono prodotti. Oltre all’ora del te, non possono mancare a colazione, accompagnati da formaggi, burro e marmellata. Buon Appetito!

Annunci

10 pensieri su “Pensieri fuori dal coro: Scones, grazie a tutti per questa merenda golosa

  1. AleB. ha detto:

    Di certo non posso ringraziare la caffetteria di Londra dove li ho mangiati la prima volta. Nel prepararli deve essergli caduta una confezione intera di baking soda nell’impasto! Ti lascio immaginare il sapore, la mia delusione e anche lo sgomento nel vedere tutti gli inglesi intorno a noi che se li sbaffavano 😐 però ringrazio te che mi hai fatto tornare la voglia di provarli e sono sicura che i tuoi mi faranno dimenticare la brutta esperienza 😉

    Mi piace

    • Mile81 ha detto:

      Che peccato! Quando si va in un posto x assaggiare un piatto tipico e si rimane delusi non é mai una faccenda simpatica… Vorrá dire che ti rifarai con questi! Per me sono molto buoni e tra le ricette provate quella di G. Ramsay é quella che preferisco. Spero ti piacciano se li fai. Un saluto caro e buona serata!

      Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...