Calendario del cibo italiano: liquore al cioccolato fondente (senza panna, senza latte)

liquore 5Tutto ebbe inizio con l’acqua di vite e l’acqua di rosa, un infuso di liquidi e petali dei fiori, che nel mondo arabo veniva preparato grazie ad antichi metodi di distillazione con i quali si trasformavano anche spezie, aromi e frutti.
Fu poi la volta degli europei, che appresero la scienza dagli arabi. Quando comparvero in Europa i primi alambicchi, insieme a spezie e altri prodotti allora sconosciuti, in particolare in Sicilia, alchimisti e monaci perfezionarono le tecniche di distillazione utilizzandole per la produzione di unguenti, oli essenziali e liquidi alcolici con finalità per lo più curative e medicinali. I cordiali, dal latino “cuore”, erano infatti liquori le cui proprietà stimolavano la circolazione.
Dall’utilizzo farmaceutico a quello alimentare il passo fu poi breve. Caterina De Medici ebbe l’intuizione di utilizzarli per diletto, servendo un goccio di liquore ai visitatori del Palazzo, come gesto di benvenuto. Ma dato il costo elevato dell’alcol in cucina, i liquori in quel senso, per molto tempo furono un’esclusiva delle classi nobili e altolocate.
Tuttavia, piano piano, l’arte dei liquori andò via via perfezionandosi e diffondendosi sempre di più fino ad affermarsi nel 1800 quando nei bar si fecero strada i primi cocktail a base di liquore. Con la scoperta delle indie le spezie diventarono anche più facili da reperire e così fecero la loro comparsa anche a tavola come bevande da servire per esaltare il sapore del cibo, prima del pasto per smuovere l’appetito, a conclusione per facilitare la digestione. (fonti: grappa.it, SanPellegrino-storia del liquore, Vinocibo.it, Introduzione dall’estratto del libro “I tuoi liquori fatti in casa“).

Oggi, sono proprio i liquori ad essere i protagonisti di questa giornata promossa dal Calendario del cibo italiano. Sulla pagina web dedicata troverete tante interessanti ricette per preparare alcuni di quelli più conosciuti e particolari diffusi in Italia, tra i quali quello al cioccolato, di cui ho l’onere di essere la madrina.

liquore 3Con i liquori onestamente non ho quasi nessuna pratica, ma prepararlo è stato più semplice di quel che pensavo! Prendendo spunto da diverse ricette, sono riuscita abbastanza facilmente ad elaborare una versione di liquore che rispondesse ai nostri gusti, non troppo dolce, in cui si sentisse bene l’aroma deciso del cioccolato fondente. Se preferite, potete sempre aggiungere 50/70 gr di zucchero in più (vedi ricetta con gli aggiornamenti in data 24/08/2017). Per una versione piú estiva e leggera, ho usato solo acqua. L’assenza di latte e panna rendono il liquore conservabile piú a lungo. Una volta aperto si mantiene per circa tre mesi. Garantisco che comunque il liquore è denso al punto giusto e decisamente alcolico!

Prima di darvi la ricetta, un grazie di cuore al Calendario del cibo italiano che mi ha dato la possibilità di gustare questa delizia. Mi sono divertita tantissimo a prepararlo. Per un attimo la mia cucina, mentre l’aroma di cioccolato si diffondeva per casa, si è trasformata nella fabbrica di di Willy Wonka! Un momento libidinoso!

LIQUORE AL CIOCCOLATO FONDENTE
(senza latte, senza panna)
liquore 1150 gr di cioccolato finissimo extra fondente (con almeno il 60% di cacao di ottima qualità),
300 g di acqua,
1 cucchiaino di estratto di vaniglia (o un pizzico di cannella a seconda dei gusti),
300 g di zucchero semolato (per un liquore più dolce aggiungere 50/70 gr in più)
Aggiornamento 24/08/2017: la quantità di zucchero corretta è 380 gr. Con i soli 300 gr che avevo indicato inizialmente il liquore se messo in frigo tende ad addensarsi troppo. Per avere un liquore fluido e fresco, meglio quindi non scendere sotto questa quantità,
200 g di alcol al 95%

In una casseruola dal fondo antiaderente sciogli a fuoco basso il cioccolato tritato finemente nell’acqua.
Mescola di tanto in tanto avendo cura di non far attaccare il composto ai bordi della pentola. Appena il cioccolato sarà per metà sciolto unisci l’estratto naturale di vaniglia e lo zucchero semolato versandolo in più riprese e mescolando sempre. Una volta che anche quest’ultimo si sarà completamente sciolto, togli la casseruola dal fuoco. Filtra il composto con un colino a maglie strette raccogliendolo in una brocca con beccuccio e fai raffreddare completamente a temperatura ambiente. Solo a questo punto unisci l’alcol. Mescola ancora poi travasa il liquore nelle bottiglie sterilizzate. Lascialo riposare almeno un mese prima di gustarlo. Conservalo al fresco e possibilmente al buio.liquore 4

NOTE: nelle foto compaiono diversi tipi di cioccolato fondente. Specifico che quello utilizzato per questa ricetta é quello extra fine in tavoletta.

logo_HEADER_CCI_byMTC

Annunci

31 pensieri su “Calendario del cibo italiano: liquore al cioccolato fondente (senza panna, senza latte)

  1. Patty ha detto:

    Sto avendo una sorta di malore. Ti confesso che d’estate, e particolarmente questa estate, la voglia di cioccolato svanisce come neve al sole. Ho anche difficoltà a sentirne parlare. Non amo il gelato al cioccolato e il solo dover toccare qualcosa che mi si scioglie in mano per il caldo, no, non mi va!
    Ma appena ho visto le immagini del tuo liquore, ho avuto un tracollo. L’ho desiderato, ghiacciato, immediatamente. Però in questo periodo sono così pigra che mi limito a sognarlo. Lascio ai primi frescori, il compito di svegliarmi dal torpore. E lo farò di certo, tentatrice.
    Bellissimo post, bellissime foto, bellissimo tutto. Un bacione

    Liked by 1 persona

    • Mile81 ha detto:

      Patty ma sei troppo buona con me!!! Grazie per questi bellissimi apprezzamenti! a Natale sarebbe bello produrli tutti questi liquori del calendario. e io prima o poi mi dovrò cimentare con il tuo nocino! un bacio grandissimo e ancora grazie!

      Mi piace

  2. Manu ha detto:

    Caspita che meraviglia qui una distilleria prepara un liquore al cioccolato che è una meraviglia e se il tuo si avvicina solo un po’ so già che è fantastico.
    Non mi resta che comperare l’alcool e provare a farlo
    Grazie mille per questo bellissimo/buonissimo contributi

    Liked by 1 persona

    • Mile81 ha detto:

      Cara manu grazie! Spero vivamente che possa soddisfarti. A noi é piaciuto molto. Se non gradisci le cose troppo alcoliche usa l alcol al 90% così viene più delicato. In tutti i casi se lo fai aggiornami!!!😍

      Mi piace

  3. Profumo di zenzero e cioccolato ha detto:

    Oh mamma, che buono che deve essere! Ne facevo uno tempo fa ma era il classico liquore al cioccolato con i latticini. Questo lo dovrò provare, già a leggerlo mi piace troppo.

    Liked by 1 persona

    • Mile81 ha detto:

      Il limoncello prodotto in casa è il migliore, non c’è paragone con quello acquistato. Immagino quanto deve essere buono il tuo! Io non sono una grande amante dei liquori ma ogni tanto servirne un goccio a fine pasto è bello. Mi piacerebbe provare quello alla liquirizia. Il mio compagno è da tanto che me lo chiede…. Un bacio Giovanna

      Liked by 1 persona

      • giovanna ha detto:

        Nemmeno io ne consumo tanto, infatti l’ho preparato la scorsa primavera e ne ho ancora tanto, alla liquirizia mai fatto, penso che ci vofliano le radici non i bastoncini che si vendono in giro,ne ho preparati al mandarino alle erbe, ho fatto pure un nespolino che somiglia un po’ come gusto all’amaretto, ma quello mai.
        Baci, buon pomeriggio

        Liked by 1 persona

  4. fausta lavagna ha detto:

    questa Giornata mi sta riservando sorprese incredibili! Il tuo liquore al cioccolato sarà il primo che proverò, ma questo già lo sapevi, vero? Non aspettavo altro… Bellissime anche le informazioni storiche; non mi sazio mai di conoscere le origini di piatti e preparazioni. Insomma GRAZIE!!! Un bacio

    Liked by 1 persona

    • Mile81 ha detto:

      Fausta grazie di cuore. In realtà io non vedo l’ora di provare il tuo al caffè… continuo a pensarci e mi sa che presto mi metterò all’opera! Ancora complimenti per le tue bellissime foto

      Mi piace

  5. infuso di riso ha detto:

    deliziosamente cioccolato…
    e con questo tuo magico post riaffiorano in me ricordi di un liquore al cioccolato preparato da un amica scomparsa qche anno fa…
    grz mile per la dolcezza della ricetta e per i ricordi che m hai fatto tornar vivi…
    un buon we a te
    daniela

    Liked by 1 persona

    • Mile81 ha detto:

      Cara Daniela a volte sapori e ricette fanno riafforare in noi dolci ricordi lontani. Grazie mille, sono onorata di sapere che questa ricetta ti ha in qualche modo emozionata facendoti ripensare a momenti trascorsi e affetti… Spero di non averti rattristato. Un bacio grande e un forte abbraccio dolcissima daniela.

      Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...