Calendario del cibo italiano: riso in sorpresa di Elena Spagnol, per una cucina facile e veloce

risotto a sorpresa funghi 4Se siete in procinto di preparare colazione, pranzo o cena, riponete pentole, padelle e casseruole, appendete al chiodo il grembiule e lasciate spenti i fuochi della vostra cucina perchè oggi il Calendario del cibo italiano celebra la giornata della cucina senza cottura.
Grazie alla varietà di cibi e alimenti che il nostro territorio offre, sono tantissime le ricette che si possono preparare “a crudo”. Melone e prosciutto è un classico, oppure una bella insalata di verdure fresche  e tonno con vinaigrette agli agrumi e qualche cappero o acciughetta, un coloratissimo gazpacho, centrifugati di frutta e verdura, pane e formaggio, pomodori farciti con ricotta o mozzarella, cereali con yogurt e frutta, … c’è solo l’imbarazzo della scelta! La cucina a crudo per me è anche un approccio al cibo che salvaguardia le proprietà degli alimenti celebrandone sapori e colori.
Mi piace sopratutto d’estate mangiare piatti freschi e osare magari con combinazioni insolite di sapori! E poi diciamocelo pure si risparmia anche tempo prezioso.
A proposito di tempo, per questa giornata il Calendario del cibo italiano ha pensato anche di approfondire un altro tema legato alla cucina senza fornelli, quello delle ricette salva tempo, per mettere a tavola piatti tipici della nostra tradizioni ripensandoli in modo semplice e rapido come quelli di Elena Spagnol che, con la sua cucina pratica e veloce, ha insegnato alle donne impegnate tra casa e lavoro l’arte di cucinare piatti all’altezza delle aspettative in modo rapido, senza perdere tempo, a volte facendo a meno anche dei fornelli, semplificando le procedure, utilizzando gli avanzi e sopratutto adottando un approccio easy.

risotto a sorpresa funghi 3

Tra le numerose ricette della Spagnol il calendario del Calendario del cibo italiano ha pensato di provarne dieci tratte dal suo libro “100 piatti facili di alta cucina” (Sonzogno Manuali). Potrete trovarle sul sito web dedicato insieme a quella che ho cucinato io, il risotto a sorpresa.
L’idea è quella di un risotto al parmigiano che nasconde all’interno il condimento, in questo caso un ricco sugo di funghi. Per preparare il piatto ci vogliono circa 30 minuti di orologio. Come suggerisce l’autrice, per semplificare le cose, al posto del brodo fatto in casa si potrà utilizzare acqua con una puntina di dado senza sentirsi in colpa. Non sarà poi così grave e si guadagnerà tempo!

Non mi resta che lasciarvi la ricetta segnalandovi però che io rispetto alla versione originale che prevedeva 20 gr di funghi secchi, ho scelto di utilizzare invece quelli freschi per due ragioni: la prima è che questo è proprio il periodo più indicato per consumarli freschi e sopratutto per raccoglierli, la seconda ragione è che i funghi secchi richiedono di essere lasciati a bagno almeno mezz’ora prima di poter essere utilizzati. Con quelli freschi a mio avviso si fa ancora prima.

RISOTTO A SORPRESA DI ELENA SPAGNOL

risotto a sorpresa funghi 5

Ingredienti per 4 persone
Per il risotto:
350 gr di riso carnaroli,
40 gr di burro per la mantecatura (io ne ho usati 30 gr),
50 gr di parmigiano grattugiato
1/2 litro di brodo leggero vegetale caldo (o per fare prima acqua con una puntina di dado)

Sugo di funghi:
350 gr di funghi freschi misti (varietà come Porcini, Prataioli, Chiodini, Portobello. La ricetta originale prevede 20 gr di funghi secchi da lasciare in ammollo 30 minuti prima dell’utilizzo),
25 gr di burro,
1 tazzina da caffè di panna liquida,
2 cucchiaini da te di Worcestershire sauce,
qualche fogliolina di prezzemolo fresco (mia aggiunta),
uno spicchio di aglio (mia aggiunta),
sale e pepe q.b.

Si preparano in contemporanea risotto e sugo di funghi.
Pulire i funghi eliminando con un panno umido eventuali residui di terriccio. Privarli delle lamelle e del gambo e tagliarli a fettine. In una pentola tostare a secco il riso per qualche secondo e ricoprirlo di brodo. Cuocerlo a fiamma media mescolandolo di tanto in tanto e aggiungendo un mestolo di brodo alla volta mano a mano che il risotto si asciugherà. Nel frattempo scaldare in un’altra casseruola 25 gr di burro con uno spicchio di aglio in camicia e i funghi a fettine. Cuocerli a fuoco vivo per qualche minuto poi eliminare l’aglio. Aggiungere tutti gli altri ingredienti per il sugo, tranne il prezzemolo, e portare a bollore. Abbassare il fuoco al minimo, regolare di sale e continuare la cottura per circa 15/20 minuti fino a quando la parte liquida non si sarà ristretta di circa 2/3. Quando i funghi saranno ormai pronti unire qualche fogliolina tritata finemente di prezzemolo fresco.
Una volta che il risotto sarà pronto spegnere la fiamma e lasciare la casseruola sul fornello caldo. Unire 30 gr di burro a cubetti e il parmigiano. Mescolare bene e attendere qualche minuto prima di servirlo. Riempire ogni scodella con il risotto. Praticare al centro un incavo. Adagiarvi all’interno una generosa cucchiaiata di funghi. Coprirli poi con altro riso in modo che i funghi risultino nascosti. Eventualmente spolverando con altro parmigiano. Servire i piatti ben caldi.
I commensali penseranno si tratti di un risotto bianco e rimarranno piacevolmente sorpresi scoprendo cosa nasconde!

risotto a sorpresa funghi 2

NOTE: Come suggerisce Elena Spagnol il sugo di funghi può anche essere preparato prima tenendolo al caldo o riscaldandolo al momento dell’utilizzo mentre si prepara il risotto.

logo_HEADER_CCI_byMTC

Annunci

18 pensieri su “Calendario del cibo italiano: riso in sorpresa di Elena Spagnol, per una cucina facile e veloce

  1. Silvia ha detto:

    Milena questo riso a sorpresa è proprio un’ idea semplice e simpatica…Quel diavolo della Spagnol quanto ci insegna;) complimenti per il post e la tua presentazione molto invitante

    Piace a 1 persona

  2. fausta lavagna ha detto:

    ecco un’altra preparazione che punta anche sulla presentazione e l’effetto sorpresa! Tipico della Spagnol, le cui ricette ho imparato ad apprezzare in questi giorni (ebbene sì, lo ammetto, il nome mi era noto… ma la sua cucina un po’ meno!). La prima impressione è che le foto mi gfanno venire appetito… la seconda è che alla lettura la ricetta rivela tutti i suoi segreti e lìappetito accresce. Ora, tanto per restare in tema e “per consolarmi”, vado a farmi un’insalatina, vah… 😦 Un bacione :*

    Mi piace

    • Mile81 ha detto:

      Fausta io come te della sua cucina sapevo ben poco. Ammetto che ero scettica, mia mamma con il risotto fin da piccola mi ha fatto una testa quadrata. E’ il suo cavallo di battaglia. Ma alla fine questo riso/risotto è proprio buono e l’idea della sorpresa è divertente! Grazie mille e buona serata

      Mi piace

  3. Paola ha detto:

    Questa estate torrida ha aguzzato l’ingegno per preparare qualcosa da mangiare senza accendere i fornelli ;). Grazie per la ricetta del risotto, che mi ricorda gli anni ’70, con la panna e la Worchester sauce (che mi piace e userò). Purtroppo non ci sono funghi qui, dovrò mettere in conto l’ammollo dei secchi

    Mi piace

    • Mile81 ha detto:

      Mi piacerebbe venirti a trovare e gustare quello locale. Chissà che buono. Mia madre ama molto il risotto e io ho sempre seguito i suoi consigli. Ma anche questa versione a noi è piaciuta. Il risotto qui da me è un piatto che non stanca mai. Grazie mille per la visita e buona serata!

      Mi piace

  4. giovanna ha detto:

    Cercavo come fare a portare in tavola il riso senza accendere i fornelli!!
    Ho un libro di tanti ann fa di Elena Spagnoli usato pochissimo, staserà andrò a cercarlo, ogni tanto mi piace risfogliare e prendere qualche spunto.
    Ciao carissima un bacio.

    Piace a 1 persona

    • Mile81 ha detto:

      Ciao Giovanna! Io non la conoscevo, ma l’idea del riso a sorpresa mi è piaciuta molto. qui i fornelli si accendono ma per poco e direi che è abbastanza pratica. Condivido con te la gioia di poter fermarsi a sfogliare i libri di cucina che si ha in casa. A volte li leggo come fossero libri. Ce ne sono alcuni come hai sottolineato tu magari rimangono nascosti tra gli scaffali per tanto tempo. Buona giornata Giovanna, un bacione!

      Piace a 1 persona

      • Mile81 ha detto:

        Io uso molto anche il digitale, ma per me è impagabile leggere e consultare i libri sopratutto di cucina! Non riesco a farne a meno! Spesso ricopio le ricette del web (ho anche le tue!) su un quadernino. In realtà ormai di quadernini ne ho davvero troppi! buona serata Giovanna 🙂

        Piace a 1 persona

      • giovanna ha detto:

        Io cerco di eliminare i quaderni, ne ho fin troppi e impazzisco a cercare le cose, però non ci riesco mai, mi sto facendo delle cartelle per salvare le ricette mie e non solo, però tenere la penna in mano mi piace, come leggere un libro di qualsiasi genere si tratti, quelli di cucina, mi danno emozioni ed è per questo che non riesco a non comprarli e me li regalano pure.

        Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...