Pensieri fuori dal coro: muffins multicereali ai fichi e olio di oliva

muffin fichi 14

Durante una passeggiata con mia nonna e la bambina nel parco vicino a casa ho scoperto un grande e rigoglioso albero di fichi. Non me n’ero mai accorta, ma lui è sempre stato li vicino al sentierino e alla recinzione dell’asilo nido, in bella vista, ora carico di frutti maturi e zuccherini. I rami più bassi permettono facilmente di raccogliere i fichi e così nonstante il parco sia molto frequentato sono riuscita a prenderne un bel cestino.
Non sono un’amante di questi frutti, ma averli così a disposizione gratuitamente e poterli raccogliere direttamente dall’albero mi è subito sembrata un’occasione da non sprecare.
Tornata a casa ne abbiamo mangiati un po’ e con quelli rimasti ho pensato di preparare questi muffins con olio di oliva, zucchero di canna e farina fine multicereale.

muffin fichi 12Se non fosse stato per mia nonna non li avrei mai notati. Lei è incredibile. Usciamo insieme ed ogni volta passeggiando per il parco scorge erbe e piante commestibili.
Abbiamo trovato un cespuglietto di menta, una siepe di lavanda, l’albero di fichi e quello di melograni, anche diverse erbe spontanee.
Non mi stancherò mai di dirlo, i nonni sono una risorsa inestimabile che custodiscono saperi e conoscenze che senza di loro andrebbero perse.
Grazie nonnina mia ti voglio un bene dell’anima.
Ora vi lascio questa semplicissima ricetta, a prova di bambino. I fichi si possono sostituire anche con fragole e altri frutti teneri che, rilasciando un poco del loro succo nei dolcetti, rendono l’impasto leggermente umido e soffice. I muffins si conservano per uno o due giorni in un luogo fresco… ma non credo che ve ne rimarranno tanti!

MUFFINS MULTICERALI AI FICHI E OLIO DI OLIVA

muffin fichi 8

Per 6 muffins
140 g di fichi bianchi

100 g di farina multicereali (o integrale)
50 di latte di mandorle (o intero)
50 g di zucchero di canna
30 g di olio di oliva
25 g di fecola di patate
1 uovo
estratto di vaniglia in polvere
Mezza bustina di lievito vanigliato per dolci
Un pizzico di sale

 

In una ciotola setacciate la farina. Unite la fecola e mezza bustina di lievito vanigliato per dolci con un pizzico di estratto di vaniglia in polvere. Mescolate bene.
In un’altra ciotola sbattete con la frusta a mano per 3 o 4 minuti l’uovo con lo zucchero, l’olio di oliva, il latte e il pizzico di sale.  Mescolate bene tutto.
Unite le polveri preparate in precedenza, sempre mescolando bene. Lavate i fichi. Teneteli da parte due. Tagliate a tocchetti i rimanenti e uniteli all’impasto mescolando delicatamente con una spatola.
suddividete l’impasto in sei piccoli pirottini di carta per muffins e sistemateli nell’apposita teglia, oppure utilizzate quelli in silicone leggermente imburrati e infarinati. Tagliate i due fichi tenuti da parte in piccoli spicchi e sistematene uno al centro di ogni pirottino spingendolo leggermente nell’impasto.
Infornate per 15/20 minuti a 180° C. Sfornate e fate raffreddare completamente. muffin fichi 5muffin fichi 15bismuffin fichi 16

6 pensieri su “Pensieri fuori dal coro: muffins multicereali ai fichi e olio di oliva

  1. chicchidimela ha detto:

    Io li adoro, ma cerco di non esagerare poiché non posso permettermi troppo gli zuccheri. Non ci ho mai preparato dei muffin, di solito vado di torte o marmellate. A me, succede lo stesso quando esco con mamma. Sa tutto e riconoscerebbe perfino la piantina più anomala. Sono così piene di risorse.. sono adorabili i tuoi dolcetto. Un abbraccio Mile

    "Mi piace"

  2. Grembiule da cucina ha detto:

    Io credo che sia un fatto di inclinazione personale. Quando passeggiamo per i viottoli di campagna (nonostante la mia vista sia scarsa) non mi sfuggono mai un tralcio di vite incolto, un pesco inselvatichito, un ciuffo di melissa o di malva, un azzeruolo o un corniolo. Mio marito non vede mai niente di tutto ciò, poi in compenso, non gli sfuggono il passaggio veloce di un leprotto, un airone in mezzo al mais, cincie, merli, anatre nel fosso e via discorrendo.
    Sabato è venuta a casa nostra una conoscente più anziana di noi che ha una grande azienda agricola con relativo agriturismo e b & b. Non distingueva una quercia da in acero o da un noce! Eppure l’età da nonna ce l’avrebbe!

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...